Allenamento e Triathlon: diamoci un obiettivo

{flike id=267}

Perché ti alleni? Rispondere merita una sincera riflessione ed ognuno troverà la sua risposta.

Io vorrei solo farvi riflettere sulla possibilità di fare a meno di pensare ad una gara come ad un unico possibile obiettivo.

Un atleta che non può competere onestamente ai massimi livelli (della sua categoria) potrebbe approcciarsi alle gare come un mezzo per raggiungere un fine diverso.

Raggiungere e mantenere un grado di benessere psico-fisico è prendere parte divertendomi alle stagioni agonistiche che verranno. Questo confesso è il mio obiettivo. In questa ottica anche il mantenimento della prestazione può essere nel corso degli anni un obiettivo che ha senso.

Legare il proprio obiettivo ai risultati dell’anno precedente può essere d’aiuto come anche tenere in considerazione le osservazioni che possono venire dal campo.

Al di la di come la pensiamo sul nostro personale obiettivo il principio generale è che un obiettivo deve essere chiaro (meglio se scritto) e fissato in base alle proprie risorse. Keep it real!

La disponibilità di tempo da dedicare agli allenamenti è una risorsa! Nel triathlon lo è in modo particolare perché sembra essere sempre poco.

Il Triathlon per alcuni è un lavoro ma in tanti riescono a coniugare la propria attività con una grande passione e la voglia di condividerla. Bisogna circondarsi di persone così perché il supporto degli altri è un fattore chiave per raggiungere i nostri obiettivi.

Ricordo di una intervista alla campionessa Chrissie Wellington che diceva grosso modo così “Meritano grande considerazione gli atleti amatori che si dedicano alle loro famiglie e al loro lavoro ma con tanti sacrifici riescono già solo ad arrivare alla linea di partenza”.

 Possiamo fare ancora di più. Gareggiare felici, tra a amici e poi di nuovo e di nuovo.