MONTEROTONDO - 2008

04-06-2008

MONTEROTONDO

SE NON FOSSE PER LE DONNE

 

Grande affermazione per le ragazze della Ermes Campania domenica 6 aprile al Duathlon Super Sprint di Monterotondo Scalo (RM), due gradini del podio su tre, il 2° ed il 3°, sono stati occupati rispettivamente da Manuela De Vito e Marina Matrone. Quest'ultima, vera rivelazione della manifestazione, giungendo al traguardo a poca distanza dalla compagna di squadra, dimostrava che con la bici da corsa, al posto della solita MTB, può andare veramente forte: un grazie a Giuliano Trematerra per aver messo a disposizione di Marina la sua bici! Alla gara, vinta da Manuela Ascoli della Minerva Roma, erano presenti anche Elisabetta La Guardia e Margherita Ballivo, che, con la loro buona prestazione, hanno consolidato l'affermazione della squadra femminile campana.

In campo maschile, pur essendo composta da soli due atleti, la rappresentativa Ermes si è difesa bene con un discreto 17° posto dell'esperto Antonio D'Ambrosio, seguito a breve distanza dal giovane Mario Picardi, 32° nella gara vinta dal Carabiniere Giuseppe Ferraro, recente vice campione italiano a squadre il 30 marzo scorso a Cremona. Tra le categorie giovanili è da evidenziare la prestazione del Cucciolo Antonio Mastriani, che, all'esordio, è stato protagonista di una incredibile rimonta in bici sullo sterrato superando molti avversari e giungendo quinto al traguardo, pur essendo stato troppo coperto e super nutrito a pochi minuti dalla partenza da una mamma…un po' troppo apprensiva!. Infine discreta la prestazione di Yasmin Improta e Arianna Picardi le quali, pur facendo una buona frazione podistica iniziale, Yasmin entrava per prima in zona cambio, soffrivano lo sterrato in bici. I bambini sullo sterrato con buche ed erba alta hanno sofferto non poco, forse più degli adulti, in questi casi sarebbe stato opportuno ridurre il percorso del 30% come da regolamento, ed è questo uno dei pochi appunti che si possono muovere alla quasi perfetta organizzazione della società Triathlon Monterotondo, cha ha il merito, tra l'altro, di aver devoluto in beneficenza l'intero ricavato della manifestazione.