Aquathlon aspettando la Capri-Napoli: due atlete Ermes sul podio.

La gara femminile di aquathlon è stata, per chi l'ha seguita, veramente bella e combattuta fino alla fine. Al primo giro davanti alla giuria passava per prima la Paniak seguita dalla De Vito, alle loro spalle sopraggiungeva Bruna Petrillo, le altre erano oramai distaccate. Le posizioni rimanevano inalterate al secondo passaggio anche se la De Vito stava recuperando. In acqua Ania Paniak e Manuela De Vito entravano quasi contemporaneamente, la sorpresa avveniva all'uscita dal mare dove si presentava per prime Daniela Calvino e Bruna Petrillo seguite da Manuela De Vito, mentre la Paniak perdeva inesorabilmente terreno. All'ultimo passaggio sotto la giuria la Petrillo era ancora prima ma la sua corsa era palesemente pesante mentre cominciava a rinvenire Manuela con un passo sicuramente più fluido. In dirittura d'arrivo Manuela spinta anche dall'incitamento di suoi tifosi si prodigava in uno sprint finale, la Petrillo si voltava e vedendo che Manuela stava per sopraggiungere tentava anch'ella di effettuare un allungo ma non ne aveva più la forza così Manuela De Vito tagliava per prima il traguardo ricevendo l'abbraccio dal suo presidente e i complimenti di tutti i componenti la sua squadra nonché il grido di gioia dei suoi tifosi, a cui lei stessa ha dato il giusto riconoscimento dicendo con l'ultimo filo di voce rimasto dopo la volata "se non era per l'incitamento forse avrei mollato". L'altra atleta Ermes, Daniela Calvino, chiudeva terza. Una bella gara, unica nota dolente il mancato risalto da parte degli organizzatori alla gara femminile (tanto per cambiare).